Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Un 59enne di Aosta arrestato dalla Polizia per escandescenze dopo che aveva parcheggiato la sua auto sulle strisce pedonali

comunicato stampa

Nella serata di giovedì 8 agosto, la Polizia di Stato ha arrestato Gianluca Mancini, 59enne di Aosta, per violenza, resistenza, minaccia e oltraggio a Pubblico ufficiale. Nel corso della serata gli agenti della "Volante" hanno notato tre persone discutere animatamente nel centro cittadino. Due sono state identificate, mentre il terzo si è sottratto al controllo allontanandosi frettolosamente a piedi.

Poco dopo, nello stesso posto della lite, durante il controllo di un’auto lasciata in sosta con grave pericolo e intralcio alla circolazione, gli Agenti sono stati avvicinati dall’uomo che poco prima si era arbitrariamente allontanato. Mancini ha rifiutato di farsi identificare inveendo offese e minacce contro gli Operatori. L’auto, una "Smart" che era stata parcheggiata sulle striscie pedonali in piazza della Repubblica, sottoposta a controllo è risultata poi appartenere allo stesso uomo.

Mentre sopraggiungeva il carro attrezzi per la rimozione del veicolo, Mancini ha aggravato le minacce e ha spintonato uno degli operatori. E’ stato pertanto posto in stato di arresto e accompagnato negli uffici della Questura dove ha continuato nella sua condotta oltraggiosa e minacciosa. L’arrestato è stato posto a disposizione dell’Autorità giudiziaria procedente in attesa del processo con rito per direttissima che si è svolto nella mattinata di venerdì 9 agosto, dove Mancini ha patteggliato una pena di sei mesi.

podcast "listening"