Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Rideterminati i tetti di spesa per il 2019 per l'assistenza ambulatoriale privata e per le "Lpa"

comunicato stampa
Mauro Baccega

La Giunta regionale, nel corso della sua riunione di venerdì 13 settembre, su proposta dell'assessore alla sanità, salute e politiche sociali Mauro Baccega, ha approvato l'innalzamento dei tetti di spesa, stabiliti in sede di indirizzi annuali di programmazione all'Azienda Usl della Valle d'Aosta nell'ambito del finanziamento regionale per l'erogazione dei livelli essenziali di assistenza, per le prestazioni di assistenza ambulatoriale rese da strutture private accreditate, da un milione 600mila ad un milione 800mila euro, e per le prestazioni aggiuntive rese dal personale sanitario dipendente dell'Azienda USL ("Lpa"), da un milione 110mila ad un milione 195mila euro.



«La maggiore spesa per l'acquisto di prestazioni dal privato accreditato - spiega l'assessore Mauro Baccega - è diretta a fronteggiare le criticità in termini di tempi di attesa nell'ambito della diagnostica per immagini, con particolare riferimento alle ecografie e alle risonanze magnetiche, e della cardiologia, per le visite cardiologiche ed "Ecg"».
«L'incremento della spesa per la remunerazione delle prestazioni aggiuntive ("Lpa") rese dal personale sanitario dipendente dall'Azienda USL - prosegue Baccega - è invece finalizzata a far fronte, in attesa dell'espletamento dei concorsi già programmati per il prossimo anno, alla contingente carenza di medici che rende difficoltoso il funzionamento del centro trasfusionale, della pediatria e neonatologia e della dermatologia».
 



«L'intervento della Giunta regionale - conclude l'assessore - è diretto a consentire all'Azienda Usl della Valle d'Aosta di utilizzare al meglio i finanziamenti regionali già destinati, in modo da far fronte alle attuali necessità e criticità, non preventivabili in sede di programmazione, e garantire le prestazioni in diverse specialità mediche, anche con l'obiettivo di favorire la progressiva riduzione delle liste di attesa».

 

timeline