Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Quattordici forestali verranno assunti entro la fine dell'anno: «ma non è un "potenziamento", visto che la carenza di personale è di 41 unità» lamentano da Mouv'

redazione 12vda.it
Gli assessori regionali Albert Chatrian e Mauro Baccega

Nel corso della riunione di Giunta di venerdì 8 marzo sono state approvate due delibere che danno il via al percorso di formazione per l'assunzione di dieci agenti e quattro sovrintendenti del Corpo forestale della Valle d'Aosta: «oggi abbiamo approvato in Giunta due deliberazioni per rispondere in modo concreto alla carenza di organico del Corpo forestale - ha dichiarato Albert Chatrian, assessore all'ambiente, risorse naturali e Corpo forestale - situazione che, peraltro, non è certo nuova, ma alla quale, come Governo regionale, abbiamo ritenuto necessario dare priorità. Con gli atti approvati oggi, saranno avviati due percorsi: un corso di formazione professionale propedeutico all'assunzione di dieci agenti, tra i candidati collocati nella graduatoria dell'ultimo concorso pubblico indetto per l'organico del Corpo, che avrà una durata di sette mesi e si svolgerà nel periodo da maggio a novembre 2019, ed un corso di formazione professionale rivolto ad otto agenti forestali, per la partecipazione a un concorso interno che si svolgerà nel corso dell'anno 2019, per la copertura di sovrintendenti forestali. La formazione di otto agenti al profilo di sovrintendente, inoltre, è propedeutica non solo alla copertura dei quattro posti già programmati per il 2019, ma anche per future esigenze».



Chatrian ha anche annunciato che dal 1° marzo hanno preso servizio le due prime donne ispettrici del Corpo forestale della Valle d'Aosta: Roberta Iemmi al Comando centrale e Stefania Berlini al Comando della Stazione forestale di Nus: «sono particolarmente lieto che tra i nostri ispettori vi siano anche due donne - ha aggiunto l'assessore - le prime nella storia del Corpo, e questo, proprio nel giorno in cui ricorre la "Festa delle donne", è sicuramente un bel segnale che assume un significato particolare per quanto attiene alle pari opportunità».
Inoltre, in merito alla programmazione delle nuove risorse umane da destinare al Corpo forestale, per far fronte ai collocamenti a riposo, è stato annunciato che sarà avviato nel 2020 un nuovo concorso per la copertura dei posti vacanti.

Da parte di "Mouv' "considerato il ruolo importantissimo che riveste il Corpo forestale della Valle d'Aosta nel contesto regionale, prendiamo atto con piacere che il corso formativo professionale propedeutico all'assunzione di dieci nuovi agenti prosegua nella tempistica condivisa già dal 2018 - si legge in una nota - siamo invece preoccupati che il fabbisogno delle risorse umane a cui fa riferimento l'assessore Chatrian sia ancora quello del 23 aprile 2018! Se, come dice l'assessore, le carenze di personale rispetto alla dotazione organica, ad oggi risultano essere di venticinque unità ed in prospettiva di ulteriori sedici unità entro il 2021, ci viene difficile capire come l'assunzione di quattro sovrintendenti forestali con il concorso interno per il 2019 e l'assunzione di dieci nuovi agenti forestali a partire da gennaio 2020 possa essere considerato un potenziamento di organico, rispetto ad una carenza di personale stimata in 41 unità entro il 2021".

"A noi pare che non si garantisca nemmeno il ricambio minimo indispensabile - continuano i consiglieri regionali di Mouv' - senza polemiche, davvero pensiamo che un segnale vero in tal senso debba avvenire immediatamente, in sede di variazione di bilancio annunciata come imminente, dove siano destinate le risorse economiche necessarie. Per il Corpo forestale della Valle d'Aosta serve una nuova programmazione triennale 2019-2021 del fabbisogno di risorse umane che tenga conto della stimata carenza di 41 unità, con relative prenotazioni di spesa sul bilancio triennale. Se davvero si vuole dare un segnale credibile e concreto, se si vuole parlare di "potenziamento", non si può aspettare la necessaria revisione della Legge regionale numero 12 del 2002 e relativo regolamento che sicuramente andranno rivisti, le risorse necessarie andranno già individuate in occasione dell'imminente variazione di bilancio 2019".




 

ultimo aggiornamento: 
Venerdì 8 Marzo '19, h.16.35