Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

La Valle d'Aosta è ricca ma in difficoltà: nel 2060 i residenti saranno solo 144mila

redazione 12vda.it
Dario Ceccarelli, Giacomo Giusti, Cristina Fabrizi

Diminuisce la popolazione valdostana, regge l'alta montagna turistica, ma soffrono soprattutto le aziende legate alla Pubblica amministrazione, in particolare artigianato ed edilizia. In occasione della Giornata dell'Economia, all'Università della Valle d'Aosta, vengono presentati i dati statistici relativi alla regione.
Cristina Fabrizi per Banca d'Italia, Dario Ceccarelli per l'Osservatorio statistico della Regione, Giacomo Giusti per Si.Camera per la Chambre, tracciano un quadro complesso della Valle d'Aosta. La previsione per il 2060 è di una popolazione che scenderà fino a 144mila residenti: nel 2018 sono 125.700. "Diminuisce la popolazione in età fertile - precisa Ceccarelli - non saranno sufficienti aiuti ed incentivi alle famiglie". Migliora di poco l'occupazione, ma non rimedia le perdite degli ultimi anni, e risultano in sofferenza soprattutto le imprese legate alla Pubblica Amministrazione, in particolare ad Aosta.

timeline