Federico Pellegrino vince la "sprint" di Coppa del Mondo a Lillehammer: «avevo grandi sci ed i miei avversari si sono eliminati a vicenda»

redazione 12vda.it
Federico Pellegrino dopo la vittoria a Lillehammer

Vittoria con distacco dell'atleta valdostano Federico "Chicco" Pellegrino nella gara "sprint" in tecnica libera di sci nordico, venerdì 30 novembre, nella prima giornata del trittico della Coppa del Mondo di Lillehammer, in Norvegia.
L'atleta di Nus, che corre per i colori delle "Fiamme Oro", ha fatto segnare il terzo tempo nelle qualifiche contro il cronometro, per poi imporsi nettamente nella prima batteria dei quarti di finale. Nella semifinale, dove il norvegese Johannes Hoesflot Klaebo ha rotto un bastoncino che l'ha escluso dalla sfida testa a testa con il poliziotto di Nus, ha concluso al secondo posto, attardato di un solo centesimo da un altro norvegese, Finn Haagan Krogh. Poi il capolavoro in finale, al coperto per gran parte del tracciato, nell'ultima salita Federico Pellegrino ha fatto il vuoto, conquistando un margine netto sugli avversari, che ha tranquillamente amministrato sino alla linea d'arrivo.

Pellegrino ha preceduto di 47 centesimi il norvegese Emil Iversen e di 71 centesimi il canadese Alex Harvey: «sono contento perché oggi l’obiettivo era arrivare in finale - ha raccontato dopo la vittoria - che sarebbe stato un buon passo per mettermi alle spalle la precedente gara di Ruka e lanciarmi verso Davos. E' il fine settimana più duro della stagione, ero rilassato di testa e le gambe giravano bene. I tecnici dei materiali mi hanno dato dei grandi sci e i miei avversari si sono eliminati a vicenda, io ho giocato benissimo di testa, in finale ne avevo ed ho deciso di attaccare con anticipo perché si era presentata l'occasione. Quando ho visto Klaebo fuori non mi è cambiato molto, sono un po' dispiaciuto per lui ma si riprenderà presto, è il più forte e deve soltanto rimanere rilassato. In Norvegia non ero mai riuscito a fare podio, oggi è arrivata una vittoria, si tratta di qualcosa di positivo. La vittoria è dedicata ai nuovi innesti nel team, tutto ciò che di nuovo è arrivato è riuscito a far si che insieme a chi mi ha seguito in passato, ha contribuito a ottenere il massimo risultato. Adesso si torna sulle Alpi, bisogna provare a fare anche meglio».
L'altro valdostano, Francesco De Fabiani, del "Centro sportivo Esercito", si è classificato 28esimo assoluto dopo essere stato eliminato, a causa di una caduta provocata da un contatto, nella quinta batteria dei quarti di finale mentre, per quanto riguarda gli altri azzurri, non avevano superato lo scoglio delle qualifiche cronometrate Giandomenico Salvadori (53esimo), Maicol Rastelli (66esimo) e Dietmar Noeckler (68esimo).

In campo femminile, dominio svedese con gradino alto del podio alla giovanissima Jonna Sundling, davanti alla connazionale Stina Nilsson ed alla statunitense Sadie Bjornsen. La valdostana Greta Laurent, delle "Fiamme Gialle", ha fatto segnare il 16esimo tempo in qualifica e si è classificata terza nella quinta batteria dei quarti di finale, con un crono che non le ha consentito di superare il turno come "lucky looser" ed in classifica generale è al 14esimo posto.
Il programma di Lillehammer prosegue, sabato 1° dicembre, con la "10 chilometri" femminile e la "15 chilometri" maschile in skating mentre domenica 2 si correranno le gare in tecnica classica sulle stesse distanze.

ultimo aggiornamento: 
Venerdì 30 Novembre '18, h.16.40

La Terra vista dallo spazio