Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

E' a favore di "ponte" l'anno scolastico 2019-2020, che inizia giovedì 12 settembre e si concluderà venerdì 12 giugno

redazione 12vda.it
Fabrizio Gentile, sovrintendente agli studi

E' a favore di "ponte" l'anno scolastico 2019-2020 che inizierà, come da decisione del Governo regionale, su proposta di Fabrizio Gentile, sovrintendente uscente agli studi, giovedì 12 settembre e non, come vorrebbe la logica, il lunedi precedente, il 9, o quello successivo, il 16, quando verosimilmente, tutta la "popolazione" scolastica valdostana sarà realmente a scuola, mentre, coerentemente con l'impostazione della settimana, le lezioni di concluderanno venerdì 12 giugno 2020, proseguendo fino a martedì 30 giugno per gli asili (la "scuola dell'infanzia").

Le festività previste per il resto del 2019. Il primo "ponte" arriva a novembre con la possibilità, per chi riesce, di "ritagliare" quasi dieci giorni di vacanza dal 25 ottobre (venerdì) al 4 novembre (lunedì) "scontandone" solo la metà, visto che il 1° novembre, festivo, giorno di "Ognissanti", cade di venerdì, con il 4 novembre, giornata dell'Unità nazionale e delle Forze armate, considerata "non festiva" ufficialmente dal 1977.
L'8 dicembre, giorno in cui si celebra l'Immacolata concezione è domenica, ma le vacanze natalizie iniziano lunedì 23, anticipate praticamente a venerdì 21 per chi non va a scuola il sabato, per concludersi lunedì 6 gennaio, con la possibilità di 17 giornate consecutive di vacanza.
Per chi non va scuola, i giorni "obbligatori" di riposo sono solo quelli di Natale (mercoledì 25 dicembre), Santo Stefano (giovedì 26 dicembre), Capodanno (mercoledì 1° gennaio), ed il giorno dell'Epifania.

Numerosi "ponti" anche nella prima parte del 2020. I giorni di vacanza dalla scuola durante "Foire de Saint-Ours", che tradizionalmente si tiene sempre il 30 (giovedì) ed il 31 gennaio (venerdì), regalano la possibilità di un altro "ponte" a "metà prezzo", con nove giorni consecutivi di ferie, da sabato 25 a domenica 2 febbraio, mentre se venerdì 21 febbraio qualche organizzazione sindacale valdostana proclamerà uno sciopero, non sarà certo perchè da lunedì 24 a mercoledì 26 febbraio ci saranno le "vacanze d'inverno".
Dopo la Pasqua "alta" del 2019, la data torna nella prima metà di aprile, domenica 12, con le vacanze che sono state fissate da giovedì 9 a martedì 14 aprile. Le due ultime festività cadono a favore di "ponte": la "festa dei lavoratori", venerdì 1° maggio, aprirà un fine settimana lungo, così come la "festa della Repubblica", martedì 2 giugno, che si porta in dote l'ultimo giorno di vacanza, lunedì 1° giugno, prima degli ultimi nove giorni di scuola.

Le scuole possono decidere fino ad altri cinque giorni di vacanza. A questi giorni di festività istituzionali, le Istituzioni scolastiche hanno la possibilità di decidere fino ad altri cinque giorni di vacanza supplementari, che vengono definiti all'inizio di settembre nelle riunioni dei collegi docenti. Ad Aosta, per esempio, il 7 settembre (sabato) si festeggia il patrono, San Grato: anche se l'anno scolastico non è ancora iniziato, le scuole del capoluogo regionale stanno già operando, ad esempio per gli esami di riparazione o, nelle scuole della Valle del Gran San Bernardo, particolarmente sensibili al Carnevale, si crea, di solito, un "ponte", mentre gli istituti superiori si organizzano, a loro volta, per cercare di "allungare" i giorni della gita scolastica dell'ultimo anno.
Inoltre, prudentemente, vengono tenuti alcuni giorni di riserva, nei luoghi più a rischio, per possibili problemi meteorologici ed anche per i giorni successivi o precedenti gli appuntamenti elettorali, quando devono essere montati e smontati i seggi.

ultimo aggiornamento: 
Martedì 23 Aprile '19, h.10.30

timeline